“Forme e colori nella terra di Tuscia”, in 210 alla mostra concorso. CNA: “Vinta la sfida più grande, far sperimentare l’artigianato ai ragazzi”


img-20190510-wa0008Una partecipazione corale, alla base della quale c’è il lavoro sia di adulti che di ragazzi. Complessivamente sono 210 quelli che hanno deciso di mettersi all’opera per la tredicesima edizione di “Forme e colori nella terra di Tuscia”, la mostra concorso di artigianato artistico e design al Centro culturale di Valle Faul. Venerdì scorso la consegna degli attestati ad ognuno di loro e la premiazione dei vincitori, presenti il consigliere regionale Enrico Panunzi, le assessore del Comune di Viterbo Alessia Mancini e Laura Allegrini, la dirigente dell’Istituto “Francesco Orioli” Simonetta Pachella e Alessandro Colacino per Lazio Innova.

È stata un’edizione fortemente rinnovata, quella di quest’anno. Con un livello di partecipazione senza precedenti. “Siamo soddisfatti per la grande affluenza e l’apprezzamento dei visitatori – dice Luigia Melaragni, segretaria della CNA di Viterbo e Civitavecchia – ma il risultato più grande è di aver coinvolto 210 artigiani, studenti e creativi”. Ognuno dei quali si è cimentato con un’opera di artigianato artistico, realtà così descritta dal presidente dell’Associazione, Angelo Pieri, che ha citato l’astronauta Luca Parmitano: “Per esprimere la bellezza di questo mondo, servirebbe un poeta”.

Una sfida vinta a 360 gradi dunque, anche per l’ampliamento degli spazi, avendo l’evento traslocato dal Museo della Ceramica al Centro culturale. “Vinta non solo da noi – commenta Marco Lazzari, presidente della Fondazione Carivit e padrone di casa – ma da tutti. La mostra concorso è, per tutti i partecipanti, un’occasione per sviluppare la propria creatività e un’opportunità per gli studenti, che qui possono trovare la strada da seguire in futuro”. Opportunità colta dagli artigiani, come sottolinea Lucia Maria Arena, presidente territoriale di CNA Artistico e Tradizionale: “Possiamo dimostrare cosa sappiamo fare. Quello in mostra è un gran bell’artigianato; al di là dei premi assegnati, abbiamo vinto tutti”.

Ne è convinto anche il presidente nazionale di CNA Artistico e Tradizionale, Andrea Santolini. “Confrontarsi – spiega – significa mettersi in discussione. E si vede che dietro a ogni opera c’è stato un grande lavoro. Il vero successo è stato quello di avvicinare i ragazzi, di fargli non solo conoscere ma anche sperimentare cosa significa essere artigiano”.

Nel corso della cerimonia anche una sorpresa: la sfilata delle studentesse di tre classi del Liceo Artistico “Enzo Rossi” di Roma, che hanno indossato gli abiti da loro stesse realizzati.

la-sfilata-delle-studentesse-del-liceo-enzo-rossi-di-romaQuesta la giuria: presidente Marco Lazzari (presidente Fondazione Carivit). Componenti: Paolo Casicci (consigliere di ADI – Associazione per il Disegno Industriale – delegazione del Lazio, docente di Storia e critica del design contemporaneo presso l’Isia di Roma), Alessandro Fortuna (Consigliere dell’Osservatorio dei Mestieri d’Arte di Firenze – OmA, componente del Consiglio di amministrazione della Fondazione Carivit), Riccardo Monachesi (architetto, dirigente dell’Area Internazionalizzazione e Marketing Territoriale della Regione Lazio), Andrea Santolini (presidente nazionale di CNA Artistico e Tradizionale), Gabriella Trani (arte terapeuta).

Ecco i primi tre classificati in ogni sezione.

Sezione Artigianato

Artigianato Artistico Tradizionale: 1° Antonio Dattis (Sava – Taranto, liutaio), 2° Daniela Lai (Viterbo, ceramista), 3° Andrea Filodelfi (Viterbo, lavorazione del legno).

Artigianato & Design: 1° Luigi Cuppone – Laboratorio Linfa (Orte, lavorazione del legno), 2° Roberto Todini – Todini Sculture (Tarquinia, lavorazione della pietra), 3° Marco Scarici – La Bottega delle Idee (Capranica, decoratore).

 

img-20190510-wa0005Sezione Licei Artistici del Lazio, programma della Regione Lazio “Lazio Creativo”.

Primo Premio: Liceo Artistico Statale “Francesco Orioli”.

Lavoro di gruppo: Emanuela Belioglov, Matteo Cianchelli, Alessandra Ilie, Marcela Nicodemo, Jasmine Lombardi, Laura Mazzieri, Elena Mammarella, El Hussein Omar. Docente: Prof.ssa Francesca Graziano.

Secondo Premio: Liceo Artistico Statale “Francesco Orioli”.

Lavoro di gruppo: Rachele Capocecera, Simone Federici, Francesco Mancini, Serena Palmucci. Docente: Prof.ssa Cinzia Pace.

Terzo Premio: Liceo Artistico Statale “Ulderico Midossi”.

Lavoro individuale:Daniele Agnelli. Docente: Prof. Mario Annesi.

alessia-mancini-premia-daniela-lai la-sala-dellauditorium luigia-melaragni-premia-gli-studenti

 

enrico-panunzi-premia-antonio-dattisSezione Talenti Creativi Under 35 del Lazio, programma della Regione Lazio “Lazio Creativo”: 1° Matteo Tratzi (Mentana, seduta in legno), 2° ex aequo Margot Dallaiti e Andrea Capati (Tuscania, linea di borse e accessori Life is out), 3° Lorenzo Formicola (Celleno, opera in vetro che riproduce il movimento delle onde).

 

Fin qui i premi della giuria. Ecco, invece, quelli assegnati dal pubblico.

Sezione Artigianato Artistico Tradizionale: Daniela Lai (Viterbo, ceramista).

Sezione Artigianato & Design: Leonardo Ceccarini (Cellere, costruttore di chitarre).

CNA Artistico e Tradizionale nazionale ha infine consegnato le targhe ai Licei Artistici “Enzo Rossi” di Roma, “Francesco Orioli” di Viterbo e “Ulderico Midossi” di Vignanello. Con questo riconoscimento, CNA nazionale esprime apprezzamento e riconoscenza per il lavoro di ricerca e sperimentazione dei Licei, “che coltiva e valorizza la creatività dei giovani, rendendoli partecipi del processo di rigenerazione della cultura e dell’economia dei nostri territori”.

Contattaci

  • Inserisci la tua richiesta o il tuo messaggio
x

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la nostra Privacy Policy.