Obbligo fatturazione elettronica, CNA chiede periodo sperimentazione e eliminazione adempimenti superflui


taxLo scorso 5 febbraio, presso la sede dell’Agenzia delle Entrate si è tenuto un incontro del “Forum Italiano sulla Fatturazione elettronica”, in vista della prossima entrata in vigore degli obblighi di emissione di fatture elettroniche per la certificazione dei corrispettivi relativi alla cessione di beni e prestazioni di servizi. Come noto, la legge di bilancio 2018 ne ha disposto l’obbligo:

  • dal 1° luglio 2018 per le cessioni di benzina o di gasolio destinati ad essere utilizzati dai soggetti IVA come carburanti per motori;
  • dal 1° luglio 2018 per le prestazioni rese da soggetti subappaltatori e subcontraenti della filiera delle imprese nel quadro di un contratto di appalto di lavori, servizi o forniture stipulato con un’amministrazione pubblica;
  • dal 1° gennaio 2019 per tutte le operazioni Iva effettuate tra soggetti residenti (sia verso altri titolari di partita Iva sia verso consumatori finali).

Il Forum ha rappresentato una importante occasione di confronto tra i vari soggetti coinvolti nel processo.

CNA ha evidenziato i rischi insiti nel cambiamento radicale e repentino delle modalità di emissione, trasmissione e conservazione di un documento fondamentale nell’attività d’impresa, quale è la fattura, poiché da esso dipende l’incasso dei ricavi.

Il passaggio per circa il 90% dei titolari di partita Iva dalla fattura cartacea alla fattura elettronica, in un formato standard (XML) e veicolata, sempre obbligatoriamente, attraverso il sistema d’interscambio fornito dall’Agenzia delle Entrate (SdI) senza la previsione di un periodo di sperimentazione presenta molte incognite. Si pensi, ad esempio, alle difficoltà ed ai rischi legati ad un mal funzionamento e blocco del sistema di interscambio che si troverà a gestire in un anno circa un 1,5 mld di documenti, cui potrebbero seguire ritardi nell’incasso dei corrispettivi e danni economici alle imprese.

CNA ha sollevato la necessità di posticipare l’entrata in vigore dell’obbligo e di prevedere un periodo sperimentale, nell’interesse sia delle imprese sia dell’Amministrazione finanziaria affiché abbia il tempo necessario per revisionare e reingegnerizzare le procedure informatiche legate all’introduzione della fatturazione elettronica.

E’ necessario inoltre evitare che dalla fatturazione elettronica nascano ulteriori oneri amministrativi sulle imprese connessi alla compilazione e alla conservazione elettronica delle fatture. In particolare, il passaggio alla fattura elettronica deve essere accompagnato dalla disponibilità di un software gratuito che consenta una agevole compilazione del documento e il contestuale invio allo Sdi e all’intermediario che gestisce la contabilità.

Nell’ambito del Forum, CNA ha ribadito la necessità di eliminare alcuni adempimenti in concomitanza all’introduzione dell’obbligo della fatturazione elettronica. Ad oggi, è prevista solamente l’abrogazione dello “spesometro” ed il riconoscimento, per i contribuenti in contabilità semplificata, di alcune semplificazioni effimere rappresentate dall’invio di modulistica precompilata. Occorre, invece, procedere all’abrogazione di una serie di adempimenti che, proprio in ragione della fatturazione elettronica, sono ormai superflui ai fini dei controlli. In particolare, CNA ha chiesto di:

  • eliminare lo “split payment” nonché i regimi Iva di “reverse charge” applicati su alcune cessioni di beni e prestazioni di servizi legati al rischio evasione;
  • innalzare il limite da cui scatta l’obbligo di apposizione del visto di conformità per poter compensare i crediti fiscali da 5.000 a 50.000 euro;
  • eliminare l’obbligo di comunicazione dei dati delle liquidazioni IVA;
  • effettuare i rimborsi IVA entro 3 mesi dalla presentazione della dichiarazione annuale;
  • ridurre la ritenuta dell’8% sui bonifici relativi a spese per lavori edili per cui si rende applicabile la detrazione fiscale.

Solamente in seguito all’abrogazione di tali adempimenti la fatturazione elettronica potrà rappresentare un’opportunità di semplificazione per tutte le imprese.

Contattaci

  • Inserisci la tua richiesta o il tuo messaggio